I talebani hanno annunciato che il gruppo è pronto per i colloqui con gli Stati Uniti e ha invitato i funzionari statunitensi «a parlare direttamente con l’Ufficio politico dell’emirato islamico (in Qatar) per una soluzione pacifica al dilemma afgano».

La rappresentazione dei talebani nella capitale del Qatar, Doha, è operativa dal 2013. Il movimento anti-governativo si riferisce ad esso come l’ufficio politico dell’Emirato islamico dell’Afghanistan.

Thumbnail

Riferendosi alla recente dichiarazione di Alice Wells, Vice Segretario Assistente degli Stati Uniti per l’Asia meridionale e centrale, che gli Stati Uniti hanno tenuto aperte le porte del dialogo per i talebani, il gruppo ha detto che «sarebbe di aiuto trovare una soluzione se l’America accettasse le legittime richieste del popolo afghano e inoltrasse le proprie preoccupazioni e richieste di discussione all’emirato islamico attraverso un canale pacifico «.

I talebani hanno anche affermato nella dichiarazione che il gruppo ha chiarito agli Stati Uniti nella sua recente lettera al popolo americano, che

«la guerra non è una nostra scelta, piuttosto ci è stata imposta. Per porre fine all’occupazione, vogliamo una soluzione pacifica alla questione afgana. «

La dichiarazione asseriva che «ora deve essere stabilito dall’America e dai suoi alleati che la questione afghana non può essere risolta militarmente.»

«L’America deve ora concentrarsi su una strategia pacifica per l’Afghanistan anziché la guerra. Le strategie militari che sono state ripetutamente testate in Afghanistan negli ultimi diciassette anni non faranno che intensificare e prolungare la guerra. E questo non è nell’interesse di nessuno. «

È interessante notare che la dichiarazione è stata resa solo pochi giorni dopo che il governo afgano si è rivolto al Qatar per chiudere la rappresentazione dei talebani, poiché, secondo il parere dei funzionari afghani, «non ha dato alcun progresso positivo nel processo di pace».

In precedenza New York Times ha dato la notizia  del trasferimento in Afghanistan dall’Iraq del contingente  dell’esercito americano , che deve raggiungere la cifra di 15 000 uomini. In Iraq, questi militari hanno preso parte nelle operazioni delle forze governative locali contro il cosiddetto «Stato islamico».

 

Fonte

Tag correlati: ; ; ;