Gli Stati Uniti prevede di spendere una quantità sproporzionata per migliorare le sue bombe nucleari dislocate in Europa e in Turchia, nonostante il fatto che la probabilità di un attacco nucleare in questo momento è ridotto a zero, mostra il rapporto dell’ONG per il controllo delle armi Nuclear Threat Initiative (NTI).

Штаб-квартира Министерства обороны США. Архивное фото

 

Gli esperti osservano che «i piani per modernizzare la bomba nucleare B-61 a caduta libera possono costare agli Stati Uniti più di $ 10 miliardi».

«In totale, secondo le stime del Congressional Budget Office, per 30 anni dal 2017 al 2046 le forze nucleari tattiche costerà gli Stati Uniti $ 25 miliardi, vale a dire una media di circa un miliardo di dollari l’anno», dice il rapporto gli esperti dell’organizzazione.

 

Allo stesso tempo, gli esperti sottolineano che costi così elevati per il mantenimento e la modernizzazione delle bombe nucleari americane non sono giustificati, poiché la probabilità di usare armi nucleari è praticamente nulla. «E’ difficile immaginare circostanze in cui il presidente degli Stati Uniti dovrà prendere una decisione su un attacco nucleare per la prima volta in più di 70 anni con l’aiuto di aerei a doppia NATO con un pilota non statunitense e una bomba  B-61 americana», si legge nel documento.

Fonte

 

Tag correlati: ; ;