La presenza militare statunitense in Siria, dopo la sconfitta dell’ISIS, è diretta contro Turchia, Russia e Iran, ha dichiarato Recep Tayyip Erdogan.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.  Foto d'archivio

«Ci viene chiesto quando finiremo la nostra operazione in Siria, e voi (gli Stati Uniti) dite che avete già lasciato l’Afghanistan, l’Iraq, che l’ISIS non c’è più. Allora perché continuate a restare lì? Quindi avete accordi contro la Turchia, contro l’Iran o, forse, contro la Russia, ma noi resteremo fermi», ha detto Erdogan.

Il leader turco ha promesso di agire con decisione, mentre il terrorismo minaccia la sicurezza del paese.

Fonte

 

 

Tag correlati: ; ; ;