Secondo un sondaggio di Pew Research gli italiani, soprattutto gli elettori di destra, in Europa sarebbero i più favorevoli a un governo di un leader forte ma anche militare.

Con l’avvicinarsi delle elezioni politiche i vari sondaggi ormai quasi si accavallano l’uno con l’altro. Una delle tante indagini svolte dall’istituto Pew Research si è interessata però delle opinioni in vari paesi nel mondo sulla democrazia rappresentativa.

Non passa inosservato vedere quindi che l’Italia, al primo posto tra i paesi europei e nelle prime posizioni per quanto riguarda il mondo intero, possa vantare una vasta fetta di elettorato favorevole a un governo dei militari oppure di uno con alla guida un leader forte.

Il sondaggio sulla democrazia rappresentativa

Un think tank è un gruppo di esperti impegnati in analisi specifiche. Dopo quindi che un dossier dell’americana Atlantic Council metteva in guardia l’Italia da una possibile interferenza della Russia alle prossime elezioni, ecco che un sondaggio proveniente sempre da Washington indaga su altri aspetti del nostro paese.

Pew Research infatti ha realizzato un sondaggio molto approfondito per sondare, scegliendo un campione di stati in rappresentanza dei vari continenti, l’opinione dei cittadini in merito alla democrazia rappresentativa.

Nell’indagine quindi è stato chiesto, anche agli italiani, il loro gradimento o meno a un possibile governo dei militari, a uno invece con alla guida un leader forte oppure di un esecutivo formato da esperti e tecnici.

Il risultato del sondaggio lascia un po’ meravigliati. Il 17% degli italiani intervistati infatti sarebbe favorevole a un governo dei militari, il 29% a quello di un forte leader mentre il 40% sceglierebbe i tecnici.

Gli italiani favorevoli ai militari al governo quindi sarebbero un numero molto maggiore dei tedeschi, soltanto il 4% così come in Svezia, ma anche degli spagnoli e dei greci che invece si fermano a meno della metà con l’8%.

Per quanto riguarda un leader forte l’Italia con il 29% è prima in Europa e seconda soltanto al Giappone, che arriva al 31%, per quanto riguarda tutti i paesi oggetto del sondaggio di Pew Research.

La percentuale invece di chi è favorevole al governo tecnico è con il 40% tra le più basse della graduatoria. Assieme a noi ci sono Stati Uniti e Svezia mentre hanno un’opinione inferiore soltanto Olanda e Grecia.

Voglia di pugno duro

Sempre in relazione al sondaggio sulla democrazia rappresentativa, Pew Research ha anche cercato di profilare, in merito alla domanda sul leader forte, l’appartenenza politica dei vari intervistati dividendoli così tra elettori di destra, di sinistra oppure di centro.

Ecco dunque che in Italia il 41% degli elettori di destra sarebbe favorevole a un governo con a capo un leader forte, per quelli di sinistra la percentuale è del 25% mentre per quelli che si sono dichiarati di centro è del 22%.

In generale quindi sembrerebbe esserci una generale approvazione per delle forme di governo forti e autoritarie in Italia. Un sentore questo che è abbastanza trasversale trovando il suo apice nell’elettorato di destra.

Questo desiderio del pugno di ferro governativo che comunque è ben percepibile nell’opinione pubblica. Tra crisi economica, conflitti internazionali e terrorismo, oltre al problema dei migranti che è una sorta di conseguenza di queste tre tematiche, i cittadini vivono un periodo di grande incertezza alimentato anche dai mass media e dai social.

Quasi un italiano su cinque che sarebbe favorevole a un governo dei militari è un dato significativo, che ci fa capire come gli italiani siano molto spaventati dal quadro politico generale anche se, nel concreto, il nostro paese per fortuna non è alle prese con nessuna particolare minaccia.

Fonte

Tag correlati: ; ; ; ;