Addatornà Baffone” sospira ancora qualche vecchio comunista riferendosi a Stalin. “Quando c’era lui…” è invece il motivetto sulla bocca dei nostalgici del Duce d’Italia, Benito Mussolini.

Al di là dei modi di dire, il ricordo malinconico dei protagonisti delle grandi ideologie totalitarie del Novecento si traduce spesso, in Italia, in polemiche e risse intorno a nomi di strade, a monumenti ed effigi. Nulla a che vedere con la furia iconoclasta che negli Stati Uniti ha preso di mira le statue degli eroi confederati, ma il rancore verso gli avversari politici nel Belpaese assume le forme di furiosi dibattiti in aule consiliari sulla toponomastica, targhe divelte a picconate, monumenti imbrattati.

           Busto di Lenin a Cavriago (Re) e mausoleo intitolato a Rodolfo Graziani ad Affile (Rm)

Un monumento al maresciallo Graziani

È successo a quello, foriero di roventi polemiche, dedicato al gerarca fascista Rodolfo Graziani che è stato inaugurato nel 2012 ad Affile, paesino di millecinquecento anime in provincia di Roma. Tre giovani erano accusati di aver scritto su una parete esterna della struttura “Chiamate eroe un assassino”. Denunciati, sono stati prosciolti dal Tribunale di Tivoli perché “il fatto non sussiste”.

Lo stesso collegio giudicante, la settimana scorsa, ha invece condannato il sindaco di Affile, Ercole Viri, e due assessori per apologia del fascismo. Il motivo? La dedica del monumento al maresciallo Graziani. È l’epilogo di una vicenda iniziata diversi anni fa, quando il Comune di Affile avrebbe usato un finanziamento di 180mila euro della Regione Lazio per erigere un generico “monumento al soldato” che venne poi intitolato al noto esponente del Ventennio fascista, il quale ad Affile visse gli ultimi anni di vita.

Il sindaco: «Una sentenza politica»

Otto mesi di carcere pendono ora sulla testa del sindaco Viri, che tuttavia non si pente, ma anzi rivendica. Intervistato da In Terris, parla di una “sentenza politica” nei suoi confronti. “Me la aspettavo — spiega — anche perché l’indulgenza dei giudici nei confronti dei ragazzi che hanno imbrattato il monumento era stata un’avvisaglia”. Il primo cittadino di Affile ritiene che i giovani sarebbero dovuti essere condannati almeno a ripulire la parete dalla scritta di vernice. “Altrimenti che messaggio educativo diamo? Come può non essere reato sporcare un luogo pubblico?”, si chiede.

Secondo Viri non è un caso che a condannarlo sia stato lo stesso Tribunale che ha prosciolto quei giovani. Non esita a parlare di persecuzione ideologica: “Noi avevamo diversi capi d’accusa oltre all’apologia di fascismo: peculato, distrazione di fondi, vincolo paesaggistico, vincolo del parco, progetto non conforme alla regolare esecuzione. Siamo però riusciti a smontare tutto, tranne l’apologia di fascismo, perché questa si basa non sulle carte ma sulle idee”.

Egli si ritiene la prima vittima della proposta di legge Fiano, approvata alla Camera e in attesa di essere discussa in Senato. “La condanna verso di me è la prova generale del clima di caccia alle streghe”, osserva.

Eppure, qualche polemica se la sarebbe dovuta pur aspettare, visto che Graziani è accusato di aver compiuto crimini di guerra durante la “campagna d’Africa”, condannato a diciannove anni di carcere, mai scontati, da un Tribunale italiano. Viri ci tiene anzitutto a fare una premessa: “Il vicinoComune di Filettino, dove Graziani è nato, gli ha dedicato un museo con il nome scritto a caratteri cubitali, senza che ci siano state polemiche. Lo sa perché? Perché il sindaco è del Pd”.

Pronti alle barricate per difendere il sacrario

Presunti complotti politici a parte, Viri è orgoglioso della sua scelta: “Se l’avessimo intitolato a Mussolini o a Badoglio, avrei capito le polemiche. Ma Graziani è stato il cittadino di Affile più illustre, il più giovane colonnello dell’Esercito italiano, non avremmo potuto che dedicare a lui il museo del soldato”. Il sindaco ritiene di avere il sostegno dei suoi cittadini: “Dopo la vicenda del monumento ho preso il 70% dei voti. Ad aprile mi ripresenterò, sono sicuro che raccoglierò di nuovo grande consenso”. E allora altri affiliani sono forse pronti a formare con lui una diga umana tra il museo e chi minaccia di abbatterlo: “Lì dentro ci sono i cimeli dei caduti di guerra del nostro territorio, compresa la medaglia di mio nonno che ha combattuto in Africa: guai a chi vuole profanarli”.

Via Stalin sì, via Almirante no

In attesa delle ruspe con propositi iconoclasti antifascisti, Viri volge lo sguardo anche al di fuori dei confini di Affile. “In Italia esistono dediche a sanguinari dittatori comunisti perché non c’è un’apologia di comunismo: trovo che sia un ‘due pesi e due misure’ assolutamente ingiusto”, sbotta.

In effetti in giro per il Paese può capitare di passeggiare per Via Stalin, Via Maresciallo Tito, Via Mao Tse Tung e Via Ernesto Che Guevara. Messi insieme, questi uomini hanno prodotto milioni di morti, ma non la mole di polemiche che ha accompagnato, a Roma, la proposta mai realizzata di dedicare una strada a Giorgio Almirante, storico capo del Movimento Sociale Italiano.

Il busto di Lenin

Poche polemiche, invece, per il busto di Lenin nell’omonima piazza a Cavriago, in provincia di Reggio Emilia. Realizzato dagli operai di Lugansk nel 1922 e donato ai compagni emiliani negli anni Settanta, è ancora un totem intorno al quale si radunano i nostalgici della falce e martello.

L’ultimo raduno in occasione del centenario della rivoluzione d’ottobre. Pugni chiusi e canti ribelli si alzavano al cielo proprio nei giorni in cui i giudici il sindaco di Affile riceveva la condanna. Il suo collega di Cavriago, Paolo Burani, vive con freddezza la presenza di questa statua comunista, come ha testimoniato in un’intervista a In Terris.

Il sindaco è del Pd, non comunista

“Ci tengo a precisare che quella celebrazione è stata un’iniziativa di un gruppo di cittadini, non del Comune”, spiega. “Io non sono stato invitato e comunque non sarei andato — aggiunge -. Piuttosto a noi interessa un approfondimento storico sul comunismo, che faremo il 25 novembre con illustri personalità”.

Burani è del Pd, un renziano, primo sindaco nella storia di Cavriago non di provenienza comunista. E a sentirlo parlare lo si evince chiaramente: “Per fortuna qui in Emilia non c’è stata la dittatura del proletariato, la nostra è la patria di Nilde Iotte e Giuseppe Dossetti, persone che hanno scelto la via democratica per arrivare a certe riforme”, afferma.

I conti con il passato

Ma l’Emilia è anche la terra del “triangolo rosso”, dove a guerra finita i partigiani si macchiarono di migliaia di omicidi di avversari politici. Fare i conti con il passato non è più tabù. “La provincia di Reggio Emilia — dice Burani — ha avviato un processo di verifica lucida dei fatti storici che non nasconde gli aspetti negativi di ciò che è avvenuto, anche per un’influenza ideologica rivoluzionaria”.

Il sindaco di Cavriago afferma di avere “grande rispetto per chi vedeva in Lenin, cent’anni fa, un capo popolo rispetto a rivendicazioni di diritti sul lavoro”, ma oggi “il mondo è cambiato” ed è possibile “leggere serenamente le pagine più fosche prodotte dall’Unione Sovietica”.

Burani ha seguito la condanna del suo collega di Affile e la ritiene giusta. “Il fascismo in Italia è stata una dittatura di vent’anni che ha provocato vittime e sofferenze”, osserva. Ma sottolinea che si opporrebbe a chi, equiparando l’ideologia fascista a quella comunista, volesse abbattere il busto di Lenin nella sua cittadina.

“Questo busto vuole ricordare la storia di Cavriago e di Reggio negli anni ’10, quando gli operai si distinsero per la volontà di prendere la Rivoluzione d’Ottobre come un esempio per l’Italia”, racconta Burani. Lo reputa dunque un simbolo storico, più che nostalgico. È per questo che non condividerebbe se qualche suo collega decidesse di erigere oggi un busto a Lenin. “Credo che sarebbe sbagliato”, taglia corto Burani. La storia è un conto, la nostalgia un altro.
Fonte

Tag correlati: ; ; ; ; ; ;