Saad al-Hariri, che ha rassegnato le dimissioni da premier del Libano questo mese mentre era in Arabia Saudita, è arrivato oggi con la moglie a Parigi per colloqui con il presidente francese Emmanuel Macron, ha dichiarato l’ufficio stampa di Hariri.

Hariri ha rassicurato per telefono il presidente libanese Michel Aoun, che sarebbe rientrato in Libano mercoledì  prossimo per le celebrazioni del Giorno dell’Indipendenza, ha scritto il presidente su Twitter.

Hariri incontrerà Macron a mezzogiorno e poi parteciperà a un pranzo in suo onore con sua moglie e il figlio maggiore, afferma la nota.

Le brusche dimissioni di Hariri presentate il 4 novembre e la permanenza in Arabia Saudita hanno causato timori per la stabilità del Libano. La sua visita in Francia con la sua famiglia è vista come una possibile via d’uscita dalla crisi.

Okab Saqr, un membro del parlamento vicino ad Hariri, aveva detto che dopo la sua visita in Francia e prima di recarsi a Beirut Hariri farà «un piccolo tour arabo» .

La crisi ha spinto il Libano nella rivalità regionale che ha contrapposto l’Arabia Saudita e i suoi alleati contro un blocco guidato dall’Iran, che include il gruppo sciita armato libanese Hezbollah.

Il Presidente Aoun, un alleato politico di Hezbollah, ha chiamato Hariri un ostaggio saudita e si è rifiutato di accettare le sue dimissioni a meno che non ritorni in Libano. L’Arabia Saudita e Hariri dicono che i suoi movimenti non sono limitati.

Tag correlati: ; ; ; ;