Il regime israeliano assicura di mantenere la completa libertà di azione in Siria e prende in considerazione solo gli interessi della propria sicurezza.

«Abbiamo assoluta libertà di azione e le uniche considerazioni che ci guidano sono le considerazioni relative alla sicurezza di Israele», ha dichiarato ieri, il ministro degli affari militari del regime israeliano, Avigdor Lieberman.

Parlando durante una visita di controllo nella parte settentrionale dei territori occupati palestinesi al confine con Siria e Libano, Lieberman ancora una volta ha mostrato la sua rabbia per la presenza militare dell’Iran in Siria e ha sottolineato che Israele non permetterà il radicamento dell’Iran nel paese arabo.

Inoltre, ha assicurato che l’esercito israeliano è pronto e ben preparato per affrontare qualsiasi situazione. «Non permetteremo alla Siria di diventare una linea di primo piano contro Israele», ha aggiunto Lieberman.

Poi, in un messaggio chiaramente diretto contro la Russia, come ha spiegato, Lieberman ha precisato che «chi non capisce questo, vale la pena che lo intenda.»

Così, Lieberman, in pratica,ha risposto alle dichiarazioni del ministro degli Esteri russo Serguei Lavrov, che il martedì scorso ha difeso la «legittimità» della presenza di consiglieri militari iraniani in Siria e si è rifiutato di aver accettato la revoca dello stesso dal paese arabo. Inoltre, ha negato le voci diffuse dai media israeliani su un presunto accordo tra la Russia, gli Stati Uniti. e la Giordania per limitare la presenza dell’Iran nel sud-ovest della Siria.

Fonte

Tag correlati: ; ; ; ;