Secondo i documenti ottenuti da USA TODAY , l’esercito americano a partire da Agosto 2017 può reclutare persone con  problemi di salute mentale: «auto mutilazione», disturbi bipolari, depressione e abuso di droghe e alcol.

La decisione di aprire il reclutamento  a coloro che hanno  problemi di salute mentale deriva dal fatto che l’esercito sta affrontando l’obiettivo impegnativo di reclutare 80.000 nuovi soldati entro Settembre 2018.

«La decisione è stata dovuta principalmente alla maggiore disponibilità di registri medici e altri dati oggi più facilmente disponibili», ha dichiarato Taylor a USA TODAY. «Questi registri permettono ai funzionari dell’esercito di  documentare meglio le storie mediche dei richiedenti».

 

Ma accettare reclute con quelle condizioni di salute mentale nel loro passato comporta rischi, secondo Elspeth Ritchie, uno psichiatra che si è ritirato dall’esercito come colonnello nel 2010 ed è un esperto del servizio militare. Secondo la sua opinione, accettare reclute con una scarsa qualificazione può causare gravi problemi .

«È una bandiera rossa», disse. «La domanda è, quanto è rossa questa bandiera?»

 Nel 2006, per esempio, una ragazza irachena è stata violentata e la sua famiglia è stata uccisa da soldati statunitensi, uno dei quali ha richiesto deroghe per minori attività criminali.

Dopo aver esaminato diversi incidenti nell’esercito nel 2009, gli Stati Uniti hanno imposto un divieto di servizio militare per le persone con disabilità mentale, in relazione ai suicidi.

I dati riportati da USA TODAY in ottobre mostrano come l’esercito abbia raggiunto i propri obiettivi di assunzione.

Tag correlati: ; ; ; ;