Il disegno di legge sulla ripartizione dei fondi del  Pentagono per l’anno fiscale 2018 includerà un articolo sull’assistenza militare dell’Ucraina, che include la preparazione dei militari ucraini e la fornitura di armi letali, ha riferito il quotidiano Hill, con riferimento al presidente del comitato della camera per gli affari delle forze armate degli Stati Uniti Mack Thornberry.

«Egli (disegno di legge) continuerà a includere l’assistenza militare dell’Ucraina e  contiene anche l’invito all’amministrazione (il presidente degli USA) di fornire anche le armi letali agli ucraini  affinché possano difendersi dall’aggressione», — ha detto Thornberry.

All’inizio di maggio, l’aula del senato ha approvato il progetto di bilancio federale fino al 30 settembre 2017, in cui ancora si prevede la selezione «Ucraina» — con 410 milioni di dollari. Si osserva che il Pentagono può spendere 150 milioni di dollari per «la concessione di aiuti, tra cui la  formazione tecnica, le armi  letali  per la difesa, aiuto nella logistica», ma anche «l’aiuto della comunità dell’Intelligence  per i militari e le forze di sicurezza nazionale dell’Ucraina».

La Russia ha ripetutamente avvertito che i  piani di fornitura di armi in Ucraina porterà solo ad una escalation del conflitto nel Donbass. Come ha più volte dichiarato il portavoce del presidente russo  Dmitry Peskov, la fornitura di armi in Ucraina dall’esterno non contribuirà a risolvere la crisi e attuare gli accordi di Minsk.
La maggior parte dei politici europei sono contro la fornitura di armi in Ucraina. Così, l’ex ministro degli esteri della Germania, l’ex presidente dell’OCSE  e il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha detto in precedenza che la fornitura di armi in Ucraina  è un modo molto rischioso e controproducente  per uscire dalla crisi.

Tag correlati: ; ; ;